Per fortuna non tutti hanno esperienza nel riconoscere i sintomi del tumore alla prostata. Molte volte, i segnali della presenza di un tumore prostata vengono rilevati da un medico durante un check-up o una normale visita di controllo.

tumore prostata sintomi

I Sintomi di un Tumore alla Prostata

Alcuni uomini, tuttavia, impressionati dal cambiamento della regolare funzione urinaria o sessuale iniziano a preoccuparsi e a sospettare la presenza di tumore alla prostata. Questi sintomi includono:

  • La necessità di urinare spesso, soprattutto di notte
  • Difficoltà di avviamento o a trattenere l’urina
  • Flusso di urina debole o interrotto
  • Minzione dolorosa o bruciore
  • Difficoltà ad avere un’erezione
  • Eiaculazione dolorosa
  • Il sangue nelle urine o nello sperma
  • Dolori frequenti o rigidità nella parte bassa della schiena, addome, fianchi, cosce

È consigliabile consultare il medico se si verifica uno dei suddetti sintomi poiché possono anche indicare la presenza di altre malattie o disturbi, come la l’ipertrofia prostatica benigna o la prostatite.

In ogni caso se si presenta anche uno solo di questi sintomi c’è un problema ed è nostro dovere risolverlo il prima possibile e nel migliore dei modi (con meno effetti collaterali possibile).

Esami per il Tumore alla Prostata

Il medico può verificare la presenza di tumore maligno alla prostata prima di avvertire un solo sintomo. Nel corso di una visita medica specializzata, il medico chiederà notizie sulla tua storia personale e familiare. Inoltre potrà proporti di effettuare uno dei seguenti esami:

Esame digitale rettale: il medico con un lubrificante inserisce nel retto un dito e sente la tua prostata attraverso la parete rettale.

Esame del sangue per l’antigene prostatico specifico (PSA): un esame apposito per verificare il livello di PSA in un campione di sangue. La prostata produce PSA. Un livello elevato di PSA è comunemente causato da un’ipertrofia prostatica benigna o da una prostatite (infiammazione della prostata). Anche un tumore maligno alla prostata può causare un livello elevato di PSA.

L’esame rettale digitale e il test del PSA possono rilevare un problema alla prostata. Tuttavia, non possono dimostrare se il problema è il cancro o una condizione meno grave.

Se i risultati del test risultano anormali, il medico può suggerire altri test per fare una diagnosi. Ad esempio, la visita può includere un test delle urine per verificare la presenza di sangue o altre infezioni.

Inoltre è possibile capire se c’è un tumore alla prostata con altre procedure:

Esame Transrettale: Il medico inserisce una sonda nel retto per controllare la prostata. La sonda emette onde sonore che normalmente non percepiamo (ultrasuoni). Le onde rimbalzano sulla prostata e un computer usa gli “echi” per creare un quadro completo della situazione.

Biopsia transrettale: Una biopsia è il prelievo di tessuti della prostata per cercare cellule tumorali. E l’unico modo sicuro per diagnosticare il tumore alla prostata. Il medico attraverso il retto inserisce un ago nella prostata.

Vengono rimossi piccoli campioni di tessuto da molte zone della prostata.

Un’ecografia transrettale è di solito utilizzata per guidare l’inserimento degli aghi. Analizzando i tessuti prelevati è possibile capire se c’è un tumore alla prostata o un’altra patologia meno grave.

Nel Video Corso Gratuito 5 Passi per curare la prostata spiego dei semplici accorgimenti che è bene seguire per curare la prostata esclusivamente con rimedi naturali.

Infatti anche se ti consiglio nel caso di un tumore alla prostata di prendere in considerazione le varie opzioni disponibili potrebbe essere sicuramente di aiuto (se non risolutivo) combinare la terapia con rimedi naturali e una dieta adeguata. Ne va della tua vita ed è importante occuparsene prima che sia troppo tardi per rimediare.

 
Share This