stitichezza e prostata

Ed eccoti lì, seduto sul water, i minuti passano e aspetti pazientemente che accada la magia… Stai aspettando… stai ancora aspettando… e per una volta non è la tua vescica che si rifiuta di evacuare, ma il tuo intestino.

Stitichezza e prostata possono sembrare scorrelate, ma sono in realtà più connesse che mai.

Tutti sanno di cosa si tratta, ma forse non tutti ne conoscono i dettagli e le conseguenze. La stitichezza si verifica quando le feci si accumulano e bloccano l’intestino, diventando dure e difficili da espellere.

I movimenti intestinali sono meno frequenti (meno di una volta al giorno) e l’acqua nelle feci viene assorbita dall’intestino. Se le feci rimangono troppo a lungo nell’intestino, l’acqua viene completamente assorbita e le feci diventano secche e dure.

A parte il disagio e il tempo trascorso nel tentativo di defecare, qual è il problema? La risposta è nei contenuti delle feci stesse.

Le feci sono i rifiuti tossici del corpo e sono destinati ad essere espulsi rapidamente perché contengono tossine e batteri. Detto questo, non dovrebbero accumularsi nell’intestino perché più a lungo rimangono lì, più si decompongono e i batteri nell’intestino si moltiplicano creando ancora più tossine.

Ma andiamo avanti…

Il Problema della Stitichezza per la Prostata

L’intestino si trova proprio accanto alla prostata. Se una sovrabbondanza di tossine penetra nei tessuti vicini, le tossine avranno un impatto diretto sugli organi circostanti. Se arrivano alla prostata infatti, possono causare infiammazione (prostatite) e dolore.

Quando l’intestino è pieno, può esercitare una pressione sulla prostata e sulla vescica. Inoltre, con la stitichezza, lo sforzo richiesto per defecare colpisce i muscoli pelvici, che sono importanti nei movimenti intestinali e nel controllo della vescica oltre che per l’attività sessuale.

Ciò può impedire all’intestino e alla vescica di riempirsi correttamente e indurli a contrarsi quando non dovrebbero.

Una grande quantità di feci nell’intestino può anche impedire alla vescica di svuotarsi completamente. Se consideri anche i sintomi urinari causati da una prostata ingrossata, potresti dunque finire per vivere praticamente sempre in bagno.

La stitichezza, combinata con una prostata ingrossata, spesso provoca livelli elevati di antigene prostatico specifico (PSA). Qui lo studio (in inglese)

Prodotto dalla prostata, il PSA è una proteina presente nello sperma e, in quantità minori, nel sangue. Livelli elevati di PSA nel sangue possono indicare la presenza di cancro alla prostata e ipertrofia prostatica, ma attenzione:

Il test del PSA, solitamente utilizzato per rilevare il cancro alla prostata, può essere influenzato dalla stitichezza, sballandone i valori e creando un falso allarme. Infatti spesso, una volta risolta la stitichezza, i livelli di PSA tornano alla normalità.

Questo e molto altro sul test del PSA è stato dichiarato dallo stesso scopritore nel suo libro “Il Grande Inganno sulla Prostata“.

La stitichezza è dunque una delle cause principali della prostata ingrossata e della prostatite, ma è evidente che può crearsi un pericoloso circolo vizioso osservando la relazione tra prostata e stitichezza.

Una prostata ingrossata infatti, cancerosa o meno, può aggravare la stitichezza. La prostata, più è ingrandita e più può esercitare pressione sul retto e rendere difficile la defecazione. Infatti in caso di costipazione cronica non risolta, nonostante una dieta ricca di fibre e un regolare esercizio fisico, si raccomanda solitamente un esame della prostata.

Preciso comunque che, nella maggior parte dei casi, è la stitichezza che causa prostatite o prostata ingrossata e non viceversa.

Come Risolvere la Stitichezza Definitivamente

Il primo passo per alleviare la stitichezza è migliorare la tua alimentazione.

Idealmente, dovresti evitare tutti gli alimenti raffinati e trasformati, ricchi di zuccheri, sale, grassi saturi o trans e praticamente tutti gli alimenti che sono difficili da digerire o eliminare. Più un cibo è vicino al suo stato naturale e meno tempo le scorie rimanenti impiegano ad uscire dal tuo corpo.

Qui ti do alcune indicazioni generiche per la stitichezza, ma sappi che nel Corso Base Prostata In Forma hai ben spiegata la dieta per la prostata.

Dieta ricca di fibre

costipazione-prostatite-dieta

Se soffri di stitichezza, cioè vai in bagno meno di una volta al giorno, puoi avere risultati radicali adottando una dieta ricca di fibre:

  • Verdure a foglia verde (leggermente cotte sono più facili da digerire, oppure scegli i frullati verdi, come spiego nel corso)
  • Vegetali (in particolare broccoli, cavoli, porri e barbabietole rosse)
  • Frutta fresca (tutta la frutta fresca ben matura aiuta a prevenire la costipazione, i kiwi in modo particolare, ti avverto :-))
  • Frutta essiccata (in particolare le prugne e i fichi)
  • Semi di lino o di chia (se presi con acqua, il suo contenuto di mucillagine aiuta a liberare l’intestino)
  • Cereali integrali: c’è l’imbarazzo della scelta (riso, farro, miglio, orzo, avena, segale, sorgo, quinoa, amaranto, teff).

Questi ultimi puoi mangiarli in chicco al posto del classico piatto di pasta, oppure sotto forma di pane integrale (al 100% e senza lievito). Ad esempio i fiocchi d’avena (con latte vegetale e frutta essiccata) sono una buona scelta se sei abituato a fare una colazione sostanziosa.

Trovi facilmente questi cereali e semi nei negozi che vendono alimenti biologici oppure su internet, anche qui.

E’ molto importante inoltre trattar bene la flora intestinale poiché svolge un ruolo vitale nel processo digestivo. Una buona digestione favorisce la crescita di batteri buoni nell’intestino, essenziali a prevenire e alleviare la costipazione. Puoi anche fare a meno di integratori se assumi cibi ricchi di prebiotici.

Questi cibi sono: cipolle, topinambur, asparagi, cicoria, banane etc… e vanno a nutrire i probiotici, batteri essenziali per la salute.

Se la tua flora è molto compromessa consiglio comunque di integrare i probiotici. Qui trovi i migliori.

Idratazione

L’idratazione è fondamentale per evitare la stitichezza. Le feci rimangono infatti stagnanti all’interno dell’intestino anche per la mancanza di acqua nei cibi che viene assorbita dalle mucose.

  • Bevi acqua, possibilmente tiepida o calda per facilitare l’idratazione. Al mattino è un toccasana col succo di mezzo limone.
  • Evita il caffè e l’alcol che causano disidratazione.
  • Evita cappuccino e sigaretta. Anche se questa associazione può creare il movimento intestinale necessario, il cappuccino contiene latte e caffè, entrambi dannosi per la prostata. Il fumo è dannoso per molti altri motivi, non ho bisogno di dirtelo.

Altre abitudini

  • Cerca di evitare uno stile di vita sedentario. L’esercizio fisico regolare, anche una sola camminata veloce al giorno, promuove la peristalsi, le ondate di movimenti intestinali che spingono il cibo attraverso il tratto digestivo.
  • Usa un trampolino elastico. Se non hai sempre la possibilità di camminare, nuotare o correre, fai ogni giorno 10 minuti su un piccolo trampolino elastico da appartamento come questo. Aiuta a spingere e a muovere le feci verso il basso, facilitando l’evacuazione.
  • Tieni a bada lo stress. Quando sei troppo stressato, non ti prendi sempre il tempo di sederti, rilassarti e mangiare con calma. Se hai fretta non mastichi bene il cibo influendo sulla digestione e causando stitichezza.
  • Pratica lo yoga. Ci sono posture specifiche per alleviare la stitichezza e guarda caso alcune di esse sono anche quelle benefiche per la prostata. Puoi impararle in un corso apposito con un bravo insegnante oppure impararle nel Corso Base Prostata In Forma.

Conclusione

Costipazione e prostata sembrano non essere collegati. In realtà lo sono strettamente, ma un occhio non esperto potrebbe cadere nello stesso famoso dilemma che c’è tra l’uovo e la gallina.

La stitichezza, ovvero l’accumulo di feci nell’intestino, può esercitare pressione sulla vescica e sulla prostata, il che può causare sintomi simili a quelli associati a un ingrossamento della prostata. Allo stesso modo una prostata ingrossata può esercitare pressione sul retto e causare stitichezza.

La verità è che la stitichezza può avere un’influenza enorme sulla salute della prostata e può essere la causa diretta di una prostatite o di un’ipertrofia prostatica.

Se vuoi tornare ad avere una prostata sana e un’attività sessuale più che soddisfacente è di primaria importanza alleviare la stitichezza con l’alimentazione, l’esercizio fisico e l’idratazione.

Fonti:

 

Scrivici su WhatsApp whatsapp