Kefir e Prostata: un’Integratore Naturale e Low Cost

kefir e prostataKefir e prostata: un integratore davvero naturale che assolutamente ti consiglio di assumere è il kefir d’acqua. Il kefir è una bevanda fermentata che aggiunge batteri benefici alla tua flora intestinale. Stabilizza le funzioni digestive e ha una gamma estesa di altri benefici per la salute.

Kefir e prostata: come si procede? Per farlo hai bisogno dei grani di kefir. Puoi trovarne di buona qualità su internet. Nell’allegato A troverai i siti giusti dove acquistarli.

Il processo di formazione del kefir richiede un ambiente dolce creato da una base di latte di cocco. O anche di mandorle o di soia o anche della semplice acqua, qualsiasi liquido va bene affinchè i batteri possano riprodursi.

Qual’è lo Scopo del Kefir

Kefir e prostata: il kefir crea l’ambiente ideale a far crescere un’eccellente flora batterica nel colon. Aiuta a proteggerci dai parassiti, previene il cancro e la costipazione.

Alcuni studi dimostrano che il kefir aiuta a curare le infezioni urinarie e soprattutto i problemi alla prostata. Inoltre, grazie all’alto livello di triptofano presente e che si converte in serotonina nel cervello, il kefir aiuta a anche a calmare i sistema nervoso. A ridurre l’ansia producendo un effetto calmante.

Kefir e prostata: ha anche molti benefici nutrizionali. E’ una fonte di proteine ed è ricco in vitamine ed enzimi. Il processo di fermentazione incrementa la produzione di vitamine del gruppo B. E’ infatti un eccellente risorsa di vitamina B12.

Da Dove Deriva?

L’origine del kefir non è molto chiara. Alcuni credono che i primi grani provenivano dalla Russia mentre altri credono dalla Turchia. In genere possiamo dire comunque che il kefir è originario delle regioni caucasiche. La leggenda dice che Maometto ricevette i primi grani direttamente da Allah.

Il kefir è fatto tradizionalmente con latte crudo, ma poiché è meglio non utilizzare prodotti di origine animale per i problemi che portano alla prostata, dobbiamo procurarci dei grani che si sono adattati alla vita in acqua o in altri liquidi dolci. Tra l’altro ci sono degli studi che dimostrano che il kefir di latte, seppur crudo, blocchi in parte l’assorbimento della vitamina C.

E’ Eccezionale Poiché Contiene Tutti i Ceppi di Batteri di cui Abbiamo Bisogno

  • Streptococcus lactis
  • Lactobacillus plantaturum
  • Streptococcus cremoris
  • Lactobacillus casei
  • Streptococcus diacetylactis
  • Lieviti che non causano problemi di candida.

Processo e Preparazione

Per preparare un ottimo kefir procurati del latte di cocco. O del latte di mandorle biologico, non pastorizzato o anche semplice acqua pura.

  1. Procurati dei grani di kefir d’acqua
  2. Metti 70 grammi di kefir in 1 litro di liquido in un barattolo
  3. Se il liquido scelto è acqua o non è già dolce di suo aggiungi un cucchiaio di miele o zucchero di canna grezzo
  4. Aggiungi uno o due frutti secchi (fichi o datteri biologici) e ¼ di limone biologico
  5. Mescola un po’ e chiudi il barattolo con un panno e un elastico e lascia fermentare per 24 ore o anche di più
  6. Una volta pronto filtra i grani con un colino per separare il liquido dal resto. Strizza il limone, togli la frutta secca (che puoi utilizzare nel frullato). Si conserva anche a temperatura ambiente
  7. Una volta sciacquati accuratamente, i grani ricominciano il processo per creare un’altro litro di bevanda

Noterai che i grani sono aumentati. Semplicemente getta via il surplus o utilizzali per concimare terriccio. Oppure regalalo ad amici.

Bevi il kefir realizzato così com’è, oppure utilizzalo nei tuoi frullati. Un litro di kefir al giorno è ottimo. Puoi anche aromatizzare la bevanda con delle foglie di menta o un estratto di vaniglia, a seconda dei tuoi gusti.

Un altro modo per assumere fermenti lattici più semplicemente è acquistare dei probiotici di buona qualità in capsule.

Il Miglior Sostituto del Kefir

Tra i migliori probiotici che ho testato c’è il 31 Probivit, il quale è un concentrato di tutti i ceppi batterici più utili alla nostra flora intestinale. Ed è ottimo per qualsiasi tipo di infezione intestinale, non solo l’escheria coli.

E’ prodotto da colture attive. Un sistema di protezione esclusivo assicura che la massima quantità di batteri vivi possa sopravvivere all’acidità gastrica dello stomaco. Per raggiungere facilmente l’intestino dove andranno ad agire.

Il consiglio, se decidi di assumere fermenti in questa forma, è di fare dei cicli di 15 giorni. Puoi interrompere per una settimana e poi riprendere.

Inizialmente, almeno per 2 mesi consecutivi. Poi il tuo organismo si sarà adattato alle nuove abitudini alimentari e si formerà continuamente una flora batterica benefica.

I fermenti lattici, inoltre, li troviamo in abbondanza anche nello yogurt, ma essendo un derivato del latte è assolutamente sconsigliato a chi ha problemi alla prostata.

Maggiori informazioni e tutti gli altri supercibi naturali che possono aiutare il processo di guarigione, puoi trovarli nel corso base.

La miglior cura per la prostata: la cura naturale per la prostata e la prostatite.

Share This