Dolore al Glande: le Possibili Cause

dolore al glandeDolore al glande: una delle possibili cause di infiammazione al glande è la balanite. Per definizione la balanite riguarda proprio una dolorosa infezione al glande.

L’infezione è causata da batteri o microrganismi più noti come funghi, o dagli irritanti per la pelle, quali allergeni e sostanze tossiche e può causare anche forte dolore al pene.

Generalmente, la terapia farmacologica permette la guarigione della balanite, ma non sempre è così. Se non trattata, presenta un rischio per il tratto urinario e può portare alla prostatite o all’epididimite, a volte entrambe le patologie insieme.

Disturbi e Sintomi Comuni

Il dolore al glande può presentarsi attraverso i seguenti sintomi:

  • Gonfiore, arrossamento e dolore del glande.
  • Secrezione giallastra e cattivo odore in caso di infezione
  • Dolore e bruciore durante la minzione.
  • Dolore nella zona inguinale gonfia per i linfonodi infiammati.
  • In fase avanzata: sensazione generale di malessere e febbre possono essere segni di setticemia (batteri nel sangue).

Cause dell’Infiammazione al Glande

Le principali cause di infezioni sono:

  • sesso non protetto
  • scarsa igiene
  • In rari casi, l’infezione è associata ad altre malattie come diabete e fimosi.

Cos’è che può portare dolore al glande? Ad esempio infezione da batteri o microrganismi che possono essere il risultato di rapporti sessuali non protetti, inadeguata igiene personale, ossia, può trattarsi sia di un’igiene del tutto inesistente o esattamente opposta e eccessiva con prodotti tossici. Lavarti in modo eccessivo porta alla disidratazione o a possibili lesioni cutanee, permettendo così ai microrganismi e a sostanze tossiche di entrare nel corpo.

Altre Cause

Ci sono altre cause relative al dolore al glande. Ecco un breve elenco:

  • Prepuzio troppo stretto detto anche fimosi
  • Malattie sessualmente trasmissibili come ad esempio la gonorrea
  • Clamidia e infezioni da candida
  • Lesioni cutanee dopo un sesso eccessivo
  • Prodotti sessuali di scarsa qualità (preservativi, lubrificanti)

Esami e Diagnosi Solitamente Richiesti

Il medico dovrebbe valutare una serie di esami e analisi per un paziente che si presenta con un dolore al glande:

  • Storia clinica tenendo conto anche dei sintomi.
  • Esame del pene.
  • Palpazione dei linfonodi inguinali.
  • Macchie e identificazione di agenti patogeni.
  • Verificare la presenza di sangue nelle urine.
  • Biopsia.

Una precisazione a riguardo: biopsia alla prostata non è affatto utile a conoscere le cause del dolore al glande, è sempre un esame inutile e dannoso, è un esame richiesto soprattutto quando c’è presenza di sangue nelle urine ma alquanto invasivo e non privo di effetti collaterali. Per chi ha necessità di questo tipo di esame, sappia che ci sono alternative alla biopsia prostatica.

Malattie che Possono Causare Dolore al Glande

Il dolore al glande può essere un sintomo associato ad una o più patologie in corso come ad esempio:

  • Balanite
  • Diabete mellito con sistema immunitario indebolito
  • Aids
  • Malattia di Reiter (dovuta al processo infiammatorio delle articolazioni)
  • Malattia di Behcet (vasculite cronica con infiammazione delle mucose)
  • Lichen sclerosus (questa malattia provoca macchie biancastre, cicatrici e danni al prepuzio)

Opzioni di Trattamento

Il trattamento appropriato se si tratta di una di queste patologie è essenziale per risolvere anche il dolore al glande.

In caso di infezione batterica, è necessario includere il partner sessuale nel trattamento.

Immunoterapia

Se c’è un’infezione, ci sono delle pomate che a seconda del patogeno agiscono contro batteri (antibiotici), funghi (antimicotico), anti-infiammatori (pomate a base di cortisone).

In caso di recidiva di infezione e la presenza di fimosi, una circoncisione può essere efficace.

Impariamo comunque a prendere in considerazione tutti questi aspetti confrontandoci con un percorso di guarigione più olistico, che elude ogni intervento invasivo e ogni terapia d’urto, riservate ai casi estremi e quando davvero non se ne può fare a meno

Rimedi Naturali

Ci sono diverse possibilità per risolvere naturalmente il problema.

  • I bagni di camomilla hanno un’azione antisettica, possono anche essere utilizzati insieme al trattamento farmacologico.
  • Una pomata alla calendula o alla camomilla
  • Applicazione di olio essenziale di lavanda o tea tree.
  • Igiene intima: quando ci si lava, ritrarre il prepuzio e lavare accuratamente con sapone disinfettante neutro.

Possibili Complicazioni

Un trattamento rapidamente adottato e rispettato, solitamente curerà la balanite e potrebbe nell’immediato fermare il dolore al glande.

Senza un adeguato trattamento, l’infezione può arrivare al tratto urinario e causare infiammazione dell’uretra o della vescica. Nei casi più gravi, può presentarsi un’infiammazione della prostata o epididimo.

Le complicazioni non devono essere comunque causa di ansia o paura. Sono sempre soluzioni che il corpo trova per curare se stesso. L’atteggiamento mentale positivo e la fiducia nel proprio corpo sono alla base di qualsiasi tipo di guarigione.

Misure Preventive

A livello preventivo si possono attuare accorgimenti affinché un’infiammazione si presenti con dolore al glande. In particolare è bene fare attenzione all’igiene, anche interna, attraverso l’alimentazione, stando lontani da cibi che provocano infiammazione (carni, formaggi) e preferire cibi che promuovono la salute (frutta, verdura fresca).

Ecco comunque alcuni consigli generici per prevenire questo tipo di problemi:

  • Lavare sempre con estrema accuratezza il prepuzio.
  • Sesso protetto se fatto con più partner, se abbiamo dubbi di infezione del partner o se pratichiamo sesso anale.
  • Alimentazione sana ed equilibrata.
  • Trattamento adeguato delle malattie di base, come il diabete.
Scrivici su WhatsApp whatsapp