Prostata Infiammata o Prostata Ingrossata?

prostata infiammataSebbene i sintomi della prostata infiammata e quelli della prostata ingrossata siano simili, si tratta di due patologie molto diverse.

L’ingrossamento della prostata è un processo quasi naturale con l’avanzare dell’età, specie dopo i 50 anni. In molti casi esso comporta lo sviluppo della patologia dell’iperplasia prostatica benigna (IPB). Essa appunto consiste nell’aumento di dimensioni della ghiandola prostatica fino al punto da schiacciare la vescica e provocare disturbi urinari e disagi di vario genere.

Le cause di questo ingrossamento non sono ancora chiare, ad ogni modo possono essere rintracciate in squilibri ormonali o metabolici, che in età avanzata tendono a verificarsi.

L’infiammazione della prostata invece è quella che comunemente chiamiamo prostatite. Questa può apparire anche in età giovane (tra i 20 e 30 anni) e, nonostante le cause anche qui non siano ancora molto conosciute, tuttavia può avere origine da molteplici fattori.

La prostatite batterica (che può essere in forma acuta o cronica – in base a ciò, i sintomi saranno differenti e le cure dovranno essere mirate per il caso in questione) è provocata da infezione batterica. I batteri possono giungere alla prostata dalla vescica, se l’urina è infetta; oppure possono provenire dal cibo – in questo caso la “strada” per la prostata sarà dall’intestino.

La prostatite abatterica è la forma più comune di prostata infiammata. Le cause sono ancora meno note, ma attribuibili ad una concatenazione di eventi. I fattori principali possono essere:

  • Lo stress.
  • Un agente infettivo
  • Un trauma fisico che provoca l’infiammazione.
  • Danni ai nervi nella zona genito-urinaria.

Nel tempo, ciò può portare ad elevata sensibilità del sistema nervoso: perciò può essere una sindrome da dolore iperattivo.

Esiste anche un tipo di infiammazione che è asintomatica (prostatite asintomatica). Questa di solito viene scoperta per altre condizioni mediche, come ad esempio infertilità o altri disordini della prostata. Sono presenti globuli bianchi nelle urine o nelle secrezioni prostatiche, ma non ci sono sintomi.

5 Cambiamenti Nello Stile Di Vita

stile di vita prostata

Nel caso di una prostatite batterica acuta, bisognerà intervenire quanto prima e probabilmente sottoporti ad un breve periodo di antibiotici sarà necessario. I consigli qui di seguito valgono per la prostatite cronica ma anche per il mantenimento e completa guarigione dalla fase acuta dell’infiammazione.

Ecco 5 cambiamenti da apportare nello stile di vita per alleviare i sintomi della prostata infiammata:

  • Ammortizza lo stress. Aggiungere come abitudine quotidiana la pratica di un profondo rilassamento, meglio se guidato (uno lo trovi nei corsi Prostata In Forma). Praticare anche la respirazione, camminate all’aria aperta, il riposo adeguato ed evitare il più possibile situazioni interne o esterne che ti provocano stress. Aiutano molto in questo senso anche le tecniche dello yoga e meditazione.
  • Fai bagni caldi e pratica il massaggio prostatico. Questo può essere interno o esterno. Si tratta di andare a massaggiare più o meno direttamente la ghiandola prostatica, con le dita o con l’ausilio di uno strumento apposito. Per la pratica del massaggio prostatico esterno sono consigliati degli olii vegetali. Fare questo massaggio e i bagni caldi almeno 3 volte alla settimana.
  • Alimentazione ricca di antiossidanti e omega 3. Lo stress colpisce anche le cellule del nostro corpo, che vanno protette dall’ossidazione e dai radicali liberi. Aggiungi una buona quantità di alimenti antiossidanti alla normale dieta quotidiana: uva (rossa in particolare), frutti rossi, melograno, carote, broccoli, cavolfiori, agrumi, giusto per dirne alcuni. I pomodori contengono un antiossidante ottimo per la salute della prostata che è il licopene. Anche l’adeguato apporto di acidi grassi omega-3 previene la prostatite. Essi sono chiamati i “grassi buoni”, li puoi trovare nel pesce come il salmone, oppure meglio ancora in versione vegetariana nelle noci e nei semi oleosi (lino, chia, canapa, zucca).
  • Massaggio miofasciale e agopuntura. Uno dei sintomi più frequenti della prostatite è il dolore alla parte bassa della schiena. Il massaggio miofasciale origina da un osteopata e lavora agendo tra i muscoli (e non su di essi) ed è un ottimo rimedio per il dolore alla schiena. L’agopuntura, proveniente dalla medicina tradizionale cinese, offre enorme sollievo per qualsiasi dolore e disagio.
  • Elimina alimenti nocivi e cattive abitudini. Bando a: caffè, alcol, sigarette, cibi troppo piccanti. Fai esercizio fisico ed evita la vita troppo sedentaria. Se hai un lavoro che ti fa stare seduto ore alla scrivania, organizzati per fare delle pause e muoverti.

Ci sarebbe molto altro da dire, e un articolo non è sufficiente. A seconda del tuo caso puoi trovare su questo sito molte informazioni riguardanti la prostata infiammata.

 
Share This