Prostata e Erezione: che Relazione Esiste?

prostata e erezioneProstata e relazione: non è molto nota la correlazione che c’è tra prostata e erezione. E’ per questo motivo che quando si hanno delle forti delusioni nella sfera sessuale diventa facile cadere in uno stato di stress e depressione. Questo non fa altro che accentuare e aggravare il danno fisiologico.

In questo articolo analizzerò il collegamento tra problemi e infiammazioni (come le prostatiti) correlati con i problemi di erezione.

I problemi di erezione nascono come conseguenza. E non è questo un collegamento conosciuto da molte persone. E’ importante che ogni uomo si interessi alla relazione tra la disfunzione erettile e la prostata. In quanto i problemi di salute della prostata sono statisticamente molto frequenti e possono verificarsi già verso i 30 anni, o anche prima.

Può essere molto utile approfondire l’argomento prostatite.

Nel caso dei problemi alla prostata, la situazione per colui che ne è affetto spesso si aggrava per il fatto che le prostatiti sono accompagnate quasi sempre da problemi erettili. A volte sono veri e propri casi di impotenza totale. Mancanza totale di erezione, sia durante che lontano dai rapporti sessuali. Col tempo si possono verificare anche problemi psicologici. Come la mancanza di autostima sessuale o l’ansia da prestazione sessuale.

Non ci sono dubbi sulla diretta correlazione esistente tra patologie della prostata e erezione.

Cerchiamo di capire in che modo l’una influenza l’altra. Se possibile, come venir fuori dai problemi correlati tra prostata e erezione, con conseguenti problemi di erezione e/o di ansia da prestazione.

L’Infiammazione Genera Correlazione tra la Prostata e la tua Prestazione Sessuale

I vari tipi di problemi della prostata si manifestato sotto forma di infiammazione della ghiandola prostatica. Comunemente vengono chiamati col termine di prostatite. Ma le prostatiti in realtà si suddividono in più categorie:

  1. prostatite acuta batterica
  2. prostatite cronica batterica
  3. prostatite cronica abatterica
  4. prostatite asintomatica

Da notare subito che quando si parla di prostatite non si accenna mai alla diretta correlazione esistente tra prostata e erezione. Questo sminuisce di fatto l’enorme problema che il paziente di turno si trova a sperimentare a proprie spese. Della sua salute sessuale e della sua conseguente serenità.

La prostata fa parte dell’intero sistema organico-genitale. Una sua infiammazione può recare difficoltà tra il corretto rilascio della muscolatura dell’apparato genitale e gli stimoli bioelettrici e neurali che partono dal cervello in stato di eccitazione mentale. Correlazione che promuove l’afflusso di sangue verso i corpi cavernosi del pene, affinché riempi di sangue fino a gonfiarlo e portarlo nel pieno dell’erezione.

La relazione tra prostata e erezione trova quindi fondamento e prove in ambito scientifico, senza per questo essere resa nota in ambito medico.

Fastidi e Dolori Come Conseguenza dei Problemi alla Prostata

  1. bruciore nel canale uretrale
  2. senso di gonfiore o irrigidimento sotto i testicoli o nella zona perineale
  3. difficoltà a urinare
  4. difficoltà di eiaculazione (eiaculazione precoce o ritardata)

Le Prostatiti Possono Provocare Problemi Erettivi

Spesso il problema non finisce qui. Perché c’è una reazione a catena, se c’è un problema di salute alla prostata questo provoca problemi di erezione. Ed è molto facile che la disfunzione erettile porti a un abbattimento psicologico dell’uomo che sperimenta il problema.

Questo per via della delusione sessuale che potrebbe accadere con la propria partner, veri e propri episodi di ansia da prestazione sessuale. L’ansia da prestazione sessuale, essendo una delle cause più diffuse dei problemi di erezione, non potrà che peggiorare il quadro generale. Alimentando ancora di più la disfunzione erettiva. Portando l’uomo in una spirale infinita di causa-effetto sempre più profonda.

Conseguenze: Cosa Fare?

cosa fareSe si sospetta di avere un problema alla prostata e forti sospetti che la relazione prostata e erezione sia compromessa, è bene recarsi dal proprio medico per svolgere analisi specifiche. Per verificare di quale genere di prostatite si tratta, o se invece si tratti di tutt’altro problema. Sarà poi compito dell’andrologo o dell’urologo stabilire la terapia farmacologica del caso.

Però c’è da dire che i trattamenti farmacologici sono volti più che altro alla soppressione dei sintomi. Piuttosto che ad eliminare le vere cause scatenanti dei vari problemi alla prostata. Difatti i farmaci molto spesso non si dimostrano efficaci. Questo fa si che la relazione tra prostata e erezione sia sempre più evidente e compromessa.

In altri casi invece hanno effetto ma solo temporaneamente, perchè dopo qualche tempo si ripresenta la stessa prostatite. In quanto non si è agito alla radice sulle cause scatenanti, spesso alimentari e relative allo stile di vita.

Come Comportarsi con i Farmaci

Molti farmaci per la prostatite hanno come effetto collaterale (dichiarato in etichetta) quello di inibire il meccanismo psico-fisico dell’erezione, provocando quindi episodi di disfunzione erettile. Praticamente viene dichiarato apertamente che ciò che viene compromesso dagli effetti collaterali dei farmaci è proprio il diretto rapporto che esiste tra prostata e erezione. Strano vero? Eppure sembra che ben poche persone leggono il “bugiardino” contenuto in ogni confezione di farmaco. Da notare come è stato definito il foglietto con le istruzioni del farmaco, lo ripeto: “bugiardino”, un nome, una garanzia!! La maggior parte delle persone non fa caso a quanto è dichiarato nel bugiardino di ogni farmaco, in modo velato o meno, usando vocaboli più o meno comprensibili che sembrano quasi creati appositamente.

Inoltre, accade sovente che alcuni medici optino subito per l’intervento chirurgico. L’intervento è molto invasivo, pericoloso e con la conseguenza irreversibile di portare all’impotenza nel caso della totale asportazione della prostata. Rimuovere la prostata, può mai essere considerata la soluzione per rimuovere le cause che hanno provocato disconnessione tra prostata e erezione?

Quindi, se si presentano problemi di salute alla prostata, è molto meglio valutare con cautela e informarsi bene preventivamente sulle varie cure possibili. Valutando rimedi più naturali, alternativi e meno invasivi.

Se le cure riportano la prostata in salute ma permangono i problemi di erezione, è possibile sono dovuti alla lunga inattività dell’apparato genitale (inattività sessuale). O a problemi di autostima sessuale e/o ansia da prestazione. Allora occorre agire intervenendo sulla sfera psicologico mentale.

Come fare in concreto? Questo è possibile attraverso un valido terapeuta. O, meglio ancora, attraverso opportune tecniche per ritrovare fiducia e autostima nella propria sfera sessuale. Per riportare l’intero meccanismo psico-fisico dell’erezione in piena salute.

Rimedi e Cure: Cosa non Fare?

cosa non fareUna delle cose da evitare nel modo più assoluto è fare uso di aiuti o più semplicemente di soluzioni farmacologiche. Come ad esempio il Cialis e il Viagra, o altre cose simili. So che esistono diverse soluzioni veloci e apparentemente “molto efficaci”.

Nel breve termine sembrano risolvere il problema, a comando, ogni volta che si vuole, ma nel lungo termine sono un danno ingente e duro da superare, anche se con buoni metodi di guarigione naturali.

Ti consiglio pertanto di lasciar perdere quella che può sembrare la strada più veloce per arrivare ad un ottima soluzione. Non sempre la via più breve è anche la migliore. Sopratutto per ottenere un eccellente correlazione tra prostata e erezione. Sono stati verificati risultati duraturi e più che soddisfacenti e ti consiglio di iniziare con il Video Corso Gratuito Prostata in Forma.

 
Share This