Ipertrofia Prostatica Benigna: Tutte le opzioni per curarla

Scritto da Marco Benedettini

L’ingrossamento della prostata, conosciuto anche come Ipertrofia prostatica benigna è una patologia molto comune tra la popolazione italiana e comunque in generale del mondo occidentale che si sviluppa tra gli uomini di mezza età o tra le persone anziane.

Anche se non si tratta di un tumore alla prostata può causare un enorme disagio se non è correttamente curata.

Ogni uomo che soffre o che ha sofferto di ipertrofia prostatica avrà fatto le sue ricerche e probabilmente è già stato da qualche esperto per valutare tutti i possibili trattamenti per far tornare la prostata come prima.

Il problema è che le persone vogliono tutto e subito e non si preoccupano minimamente dei motivi per cui la prostata ha iniziato ad ingrossarsi nel tempo.

Per conoscere i segreti che propongo su come curare la prostata puoi accedere alla più completa guida esistente per rimuovere le cause alla radice cliccando qui:

Curare la prostata: Come uscire dall’incubo e vivere 108 anni di salute radiante

Vediamo comunque in questo articolo tutti i trattamenti che il medico tradizionale potrebbe proporti o che comunque sono disponibili per la cura dell’ipertrofia prostatica:

1. Terapia farmacologica. Indiscutibilmente il metodo più comune, con gli alfa bloccanti come il terazosin, il doxazosin ed il prazosin che sono i farmaci più famosi riconosciuti per questo tipo di trattamenti. Gli alfa bloccanti sono risultati efficaci con una percentuale intorno al 75% tra tutti gli uomini con Ipertrofia prostatica benigna. Agiscono rilassando i muscoli nel collo della vescica, rendendo più facile il fuoriuscire dell’urina.

Un’altra forma efficace di trattamento è il Proscar e la finasteride. È considerato un’alternativa qualora la prostata sia già considerevolmente ingrandita. Gli effetti collaterali potrebbero includere una forte diminuzione della libido e una riduzione del numero di spermatozoi nell’eiaculazione. Il Proscar  è anche conosciuto come Propecia ed è usato per trattare la calvizie negli uomini.

2. Terapia di Riscaldamento. Questa è una forma più moderna di trattamento condotto negli ospedali e negli ambulatori medici. Il calore è direttamente applicato sull’uretra, aiutata da un anestetico locale. La terapia a microonde, l’evaporazione elettronica e la terapia a laser sono attualmente i migliori trattamenti conosciuti per fare questa terapia del calore. Non conosco a  fondo gli effetti collaterali.

3. Ultrasuono. Un’altra terapia che sta prendendo piede velocemente è la terapia ad ultrasuoni. È stato provato essere molto efficace in molti paesi come forma di terapia per l’ipertrofia prostatica benigna. Un catetere deve essere indossato per una settimana dopo la terapia, ma dopo il paziente può riprendere il suo stile di vita quasi subito. Ovviamente sarà uno stile di vita diverso  e comunque anche se si effettua questo trattamento è utile cambiare le proprie abitudini alimentari e fisiche.

4. Metodi chirurgici. Questa è una forma di trattamento che si è dimostrata essere più efficace nel lungo periodo. Ci sono molti tipi di chirurgia per trattare l’ipertrofia prostatica, soddisfacendo i requisiti diversi dei pazienti. C’è ad esempio la resezione transuretrale della prostata (TURP) oppure la prostatectomia radicale (la rimozione drastica della prostata) entrambe molto invasivi dal mio punto di vista che possono avere ovviamente effetti collaterali veramente invalidanti.

5. Medicina alternativa. Anche se non si può considerare una vera tecnica questo metodo è sempre più apprezzato dalla popolazione mondiale. Ci sono numerosissimi studi che dimostrano che i trattamenti alternativi hanno funzionato in molti casi di ipertrofia prostatica. Per esempio, alcune preparazioni a base di erbe possono rallentare o fermare l’ingrossamento della prostata in poche settimane. La serenoa repens è risultata utile per lo meno efficace quanto la Propecia ma con molti meno effetti collaterali.

Ovviamente questo tipo di terapia impiega più tempo a dare i suoi frutti, ma sono risultati sicuramente più soddisfacenti che alla lunga hanno un risultato migliore e più duraturo. Se dopo 3 mesi di uso regolare non si rileva tuttavia alcun miglioramento, potrebbe essere ora di smettere di usare questo prodotto o alcuna altra forma di supplemento a base di erbe.

Questi che ho spiegato sono le tecniche e i rimedi “dell’ultimo minuto” quelli che un uomo è cotretto a provare quando avverte i primi sintomi di ipertrofia prostatica, ma applicandoli ovviamente non si risolve il problema alla radice.

Se vuoi sapere come risolvere tutti i tuoi problemi alla prostata andando ad eliminare le cause che hanno provocato il suo ingrossamento ti consiglio di approfondire sul mio corso multimediale:

Curare la Prostata: Come uscire dall’incubo e vivere 108 anni di salute radiante.

Per ogni dubbio o informazione puoi lasciare il tuo commento qui sotto oppure inviarmi una mail.

A presto!

Condividi su Facebook

17 Responses to “Ipertrofia Prostatica Benigna: Tutte le opzioni per curarla”

  1. ANTONIONo Gravatar says:

    Ho una ipertrofia prostatica benigna con cateterizzazione uretrale per ritenzione urinaria.Il mio urologo un anno fa con un PSA 4.74 PSA FREE 1.340 rapporto PSA FREE/PSA 0.28 mi ha prescritto XATRAL 10mg una compressa alla sera.Dopo un anno ho un PSA 6.03 PSA FREE 1.590 rapporto PSA FREE/PSA 0.26. Desidero sapere se la cura è giusta . Grazie.

  2. MarcoNo Gravatar says:

    Ciao Antonio,

    nessuno può dirti se la cura è giusta, tantomeno io.

    Se hai letto qualche articolo in questo sito o hai visto il video gratuito sai che il mio approccio è totalmente naturale ed esclude ogni tipo di farmaco di sintesi.

    Se sei interessato a liberarti per sempre dalla dipendenza dei farmaci allora puoi prendere in seria considerazione l’idea di acquistare il corso base o chiedermi delucidazioni a riguardo. Quello che cerco di trasmettere infatti è proprio assumersi la responsabilità della propria condizione fisica e smetterla di delegarla a medici, farmaci o altre droghe.

    Spero di averti risposto, se vuoi puoi anche contattarmi privatamente su info@prostatainforma.com o dall’area contatti in alto a destra.

    Un saluto sincero e un grosso in bocca al lupo per tutto.

    Marco
    ProstataInForma.com

  3. giuseppeNo Gravatar says:

    Salve! sono affetto da ipertrofia prostatica, con ispessimento della stessa e un volume raddoppiato dalla normale dimensione della prostata… dopo una cura di antibiotici che sono serviti anche per curarmi una epididimite ed una alterazione della uretra (novembre scorso) nei giorni scorsi ho fatto una visita specialistica con la diagnosi di cui sopra. il dottore mi ha suggerito di curarmi con degli integratori se nn erro Prostax, comunque degli integratori. vorrei sapere se questa cura sia efficace o se ci sono altre vie da seguire… grazie un saluto!!!

  4. MarcoNo Gravatar says:

    Ciao Giuseppe,

    Gli integratori possono aiutare per le fasi più critiche, ma di certo (come gli antibiotici) non sono quelli che risolvono il problema. Quello che cerco di trasmettere con questo sito è appunto la via alternativa a tutti questi problemi. E’ un percorso di miglioramento più che una cura, che porta risultati concreti e duraturi.

    Consiglio di iniziare col corso gratuito e poi col corso base.

    Per ogni dubbio a riguardo sono sempre a disposizione.

    Marco
    ProstataInForma.com

  5. federico petittiNo Gravatar says:

    Ho appena letto di opttimi risultati per l’ipertrofia prostatica di medicamento a base tadafil.Vorrei sapere il Suo parere, se ha già avuto modo di testare questo medicinale

  6. MarcoNo Gravatar says:

    Ciao Federico,

    se hi visto il mio video gratuito sai già come la penso riguardo ai farmaci.

    Il Tadalafil funziona come il Viagra, anzi meglio, ma è curativo? No, affatto e oltre ad avere diversi effetti collaterali crea delle dipendenze psicologiche non indifferenti. Il mio approccio è totalmente diverso e se hai problemi specifici di erezione nella sezione videocorsi puoi trovare quello che fa per te.

    Spero di averti risposto, per ogni dubbio più specifico e personale puoi contattarmi in privato dall’area contatti.

    Un saluto sincero,

    Marco

  7. CarmineNo Gravatar says:

    L’urologo a cui mi sono rivolto mi ha detto che soffro di ipertrofia prostatica secondaria a infezione da escherichia coli, che tuttora mi da problemi di flusso urinario piuttosto basso, scarsa erezione e diminuzione della libido. Assumo Silodix cp 8 mg da circa 15 gg, il flusso sembra lievemente migliorato, faccio ginnastica 7 8 volte al giorno per rinforzare il muscolo pubo-coccigeo , ho abbandonato tutti i cibi dannosi.Cosa posso fare di più per migliorare la mia situazione? E’ vero che integrando con lo zinco si ottengono buoni risultati?, ma bisogna assumere anche il rame?
    Queste sostanze non sono dannose per l’ organismo? Tu cosa ne pensi? Mi daresti qualche altro consiglio? Ti ringrazio fin d’ ora per l’ attenzione che vorrai dare a mio quesito. A presto. Ciao.

  8. CarmineNo Gravatar says:

    Dimenticavo il mio Psa totale controllato in corso d’infezione acuta è 1,4 risale a due mesi fa circa. dovrei ripeterlo come pure la cultura urinaria. che pur avendo fatto antib ritengo risulterenbbe ancora positiva. L’ urologo mi ha detto che f in quando ci sarà ristagno di urine in vescica la’infezione rimarrà nonostante gli anntibioticii che ho preso per una settimana ()amikacina 500 mg ) La serenoa ritieni che sia efficace ?

  9. GiovanniNo Gravatar says:

    Ciao Carmine,

    la miglior cosa da fare per migliorare la situazione è interrompere l’assunzione dei farmaci e se non l’hai già fatto iniziare ad applicare i consigli del video corso gratuito che trovi qui:

    http://prostatainforma.com/blog/5-passi-per-curare-la-prostata/

    Per quanto riguarda lo zinco, il rame etc. come tutti gli integratori possono essere dei buoni coadiuvanti ma resta fondamentale seguire uno stile di vita e una alimentazione naturale, non sono riconosciuti come dannosi ma la miglior assunzione resta quella dei minerali organici dai vegetali crudi.

    Inoltre qualsiasi diagnosi può aiutare a comprendere meglio lo stato della prostata ma non a curarla meglio, tanto è vero che gli antibiotici fanno solo un danno in più tra l’altro impedendo la buona riuscita della guarigione anche se affrontata nel modo giusto.

    Ottima la serenoa.

    Spero di averti dato un aiuto.

    Un caro saluto,

    Giovanni
    Staff ProstataInForma.com

  10. conoNo Gravatar says:

    La mia “prostatona” e di circa 72mm. Ora la minzione è molto difficoltosa xatral o permix . La minsione è migliorata ma, purtroppo è assente la realtà sessuale. Esistono altri farmaci meno dannosi di quest’ultima molecola? Se si quale! A Suo parere una ghiandola così voluminosa, ma senza altre sofferenze, conviene l’intervento magari con laser verde o altro metodo? Ringrazio e porgo cordiali saluti

  11. GiovanniNo Gravatar says:

    Ciao Cono,

    con l’uso dei farmaci descritti la minzione migliora soltanto perchè viene rilassato il muscolo del perineo che permette così il passaggio dell’urina, di conseguenza viene meno la realtà sessuale.

    Non esiste nessun farmaco in grado di risolvere il problema senza fare alcun danno. Alla lunga i farmaci fanno danni molto gravi anche da recuperare.

    Nessun intervento invasivo conviene, in quanto nel tempo peggiora solo la situazione, l’unico modo per avere una guarigione definitiva ed eccellente è seguire uno stile di vita e di alimentazione naturale molto ben descritto nel programma ProstataInForma.com.

    Giovanni

  12. NinaNo Gravatar says:

    ho sentito di un intervento col laser ktp praticato a Torino ma non ricordo il nome del medico nè l’ospedale. L’ho visto nella trasmissione di uno mattina nel gennaio 2014, per piacere se mi può aiutare mandandomi le informazioni alla mia e-mail. E’ un problema che deve risolvere mio marito urgentemente. Grazie Oppure mandatemi altri indirizzi.
    vi ringrazio molto.

  13. GiovanniNo Gravatar says:

    Ciao Nina, qualsiasi tipo di intervento non rimuove le cause ma solo le conseguenze, di fatto non fa altro che rimandare il problema che insorgerà nuovamente e con qualche complicazione in più dal punto di vista della guarigione, anche se affrontata con metodi naturali.

    Da evitare inoltre sia l’intervento denominato Turp che la biopsia, entrambe le cose molto dannose.

    La strada migliore per una guarigione eccellente e definitiva è seguire uno stile di vita e di alimentazione naturale molto ben descritto nel programma ProstataInForma.com, lo trovi qui:

    http://prostatainforma.com/

    Per ogni altra informazione o dubbio puoi scrivere in privato a info@prostatainforma.com.

    Giovanni

  14. giuseppeNo Gravatar says:

    salve io ho qualche problema per urinare a volte mi debbo alzare 2 o 3 volte per notte dipende credo sopratutto dall alimentazione sono anni che il mio medico curante mi prescrive analisi e il mio PSA clia si aggira intorno a 2.34 ultimo ma nel 2012 era 1.92 il trattamento prescritto e BENUR 4 mg grazie e b sera

  15. GiovanniNo Gravatar says:

    Ciao Giuseppe,

    la scienza non ha trovato ancora una soluzione a tante patologie eppure nonostante questo continua a proporre farmaci inutili e sempre più dannosi.

    Il modo migliore per una guarigione definitiva ed eccellente è seguire uno stile di vita e di alimentazione naturale molto ben descritto nel
    programma ProstataInForma.com, lo trovi qui:

    http://prostatainforma.com/

    Per ogni altro chiarimento puoi scrivere in privato qui:

    info@prostatainforma.com

    Giovanni

  16. vincenzoNo Gravatar says:

    vorrei sapere siccome soffro di I.P.B. e mi sto curando con XATRAL e AVODART posso continuare o conviene cambiare grazie

  17. GiovanniNo Gravatar says:

    Ciao Vincenzo, la scienza non ha trovato ancora una soluzione a tante patologie eppure nonostante questo continua a proporre farmaci inutili e sempre più dannosi.

    I farmaci sono da eliminare, magari gradualmente se le difficoltà sono grandi.

    Il programma ProstataInForma.com è risultato molto efficace per tutte le patologie della prostata, questo perchè ha come fine ultimo riportare grande energia,
    vitalità e salute al nostro organismo in modo sorprendente e definitivo.

    Uniche regole a cui attenersi è seguire il programma così come descritto, con grande volontà e costanza, una volta ottenuti i benefici andrebbero mantenuti con gli stessi criteri, al limite è possibile che ognuno trovi la sua giusta via di mezzo con l’alimentazione rispettando le indicazioni principali elencate nel programma stesso.

    Il modo migliore per una guarigione definitiva ed eccellente è seguire uno stile di vita e di alimentazione naturale molto ben descritto nel programma ProstataInForma.com, lo trovi qui:

    http://prostatainforma.com/

    Per ogni dubbio puoi scrivere in privato:

    info@prostatainforma.com

    Giovanni


Lascia un commento

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.