Epilobio per la Prostata: un Rimedio Naturale

L’Epilobio è un genere di pianta citata già dall’antichità in tutti i continenti e culture come uno dei migliori rimedi per la prostata.

Ci sono molte specie di epilobio e appartengono tutte al genere dell’Epilobium.

epilobio prostata

È una pianta ampiamente diffusa tra luglio e settembre, anche alle nostre latitudini, a cui piace un suolo fresco ricco di azoto.

È riconoscibile da piccoli fiori il cui colore varia dal bianco, al rosa pallido fino al rosso.

libro-erboristeria-prostata-epilobio

L’Epilobio cresce soprattutto nelle conifere e in foreste decidue, fra pini e sentieri forestali.

È stato dimenticato per un po’ di tempo fino a che non fu di nuovo reso popolare dalla famosa scrittrice erborista Maria Treben che lo cita nel suo libro “La Salute dalla Farmacia del Signore“. Oggi l’Epilobio è nuovamente ritenuto un vero rimedio naturale per la prostata.

Usi e Benefici dell’Epilobio

Come più volte si è detto, la medicina tradizionale offre diverse terapie per i problemi alla prostata. Spesso però queste sono molto invasive, debilitanti e nemmeno sufficientemente efficaci.

I problemi che affliggono gli uomini con problemi alla prostata di solito riguardano:

  • Urinazione frequente anche notturna.
  • Incapacità di finire di urinare.
  • Debolezza generale.
  • Freddo e dolore nella parte posteriore dei genitali.
  • Problemi di erezione, o di eiaculazione, ecc.

“Molti malati possono essere curati con l’aiuto dell’epilobio, spesso fino al punto di non dover subire un intervento chirurgico. Se l’intervento è stato già fatto, la tisana di epilobio elimina il formicolio e altri disturbi che spesso appaiono dopo l’intervento”.

Maria Treben, Erborista.

 

La pianta ha proprietà:

Maria Treben usava questa pianta per trattare ogni tipo di disturbo alla prostata, dall’infiammazione a problemi ad urinare. Questa pianta ha effetti davvero potenti, che possono togliere tutti i disturbi prostatici nel giro di qualche settimana.

  • Antisettiche e Antibatteriche.
  • Astringenti
  • Antinfiammatorie
  • Anticancro
  • Anti-proliferative delle cellule prostatiche (grazie ai componenti oenotenina B e l’ellagitannina dimerico-macrociclica).

Contiene flavonoidi, quercetina, miricetina, sitosterolo, vitamina C e carotene.

L’epilobio aiuta in caso di:

  • Prostata ingrossata.
  • Dolore e difficoltà ad urinare.
  • Infezioni alla prostata, ai reni e all’uretra (prostatite compresa)
  • Cancro alla prostata.
  • Incontinenza maschile e femminile.
  • Malattie renali.
  • Emorragie interne.
  • Disturbi della pelle.
  • Diarrea e colon irritabile.

Maria Treben utilizzava soprattutto la tisana, mettendo un cucchiaio di erba fresca o secca per tazza. Si porta l’acqua fino ad ebollizione, poi si mette l’erba e si lascia riposare per 5-8 minuti, possibilmente coperta.

Questa tisana può essere bevuta due volte al giorno per qualche settimana, a stomaco vuoto.

Un’altra ottima modalità di assunzione è la tintura madre di Epilobio, acquistabile qui, di cui si assumono 30-40 gocce per 2-3 volte al giorno, in poca acqua.

Le Specie Curative

Ci sono numerose specie di Epilobio. Tra queste, molte sono quelle con effetti curativi e di cui l’erborista austriaca suggeriva l’uso.

Ecco una lista delle specie curative di epilobio, che può esserti utile:

  • Epilobium parviflorum (Epilobio a fiore piccolo).
  • Epilobium roseum (Epilobio roseo).
  • Epilobium palustre (Epilobio palustre).
  • Epilobium anagallidifolium (Epilobio anagallidifoglio).
  • Epilobium lanceolatum (Epilobio lanceolato).
  • Epilobium collinum (Epilobio di collina).
  • Epilobium montanum (Epilobio di montagna).

Da evitare invece è la specie angustifolium che è apparentemente simile alle altre, ma ha effetti opposti a quelli desiderati. se lo acquistate in erboristeria accertatevi quindi che l’estratto o la tisana non siano fatti con questa varietà.

 

 
Share This