8 Passi per Curare la Prostata Ingrossata Naturalmente

Scritto da Marco Benedettini

Prostata Ingrossata: Informazioni Generali

prostata-ingrossata

Da 60 anni ormai ben il 90% degli uomini americani (ma anche moltissimi europei) hanno dei problemi di prostata ingrossata almeno una volta nella loro vita.

La maggior parte degli uomini non ne vogliono parlare, eppure è una componente troppo importante per la salute di ogni uomo per poterla ignorare.

La cura della prostata è solitamente considerata importante per gli uomini dopo i 50 anni di età, ma negli ultimi anni i problemi che da anche a uomini di 30 o 40 anni sono aumentati notevolmente.

Ormai è scientificamente provato che alcuni fattori come la dieta o fattori ambientali influenzano positivamente o negativamente la salute e l’ingrossamento della prostata, che a volte può essere anche confuso con Ipertrofia Prostatica Benigna o IPB.

Non sono fattori da ignorare o da considerare come di secondaria importanza, ma a supporto di un cambio di abitudini alimentari che descrivo nella Guida Prostata In Forma possono esserci d’aiuto alcuni rimedi naturali per correggere e migliorare notevolmente la situazione prima che sia troppo tardi.

Qui di seguito un simpaticissimo video per apprendere preziose indicazioni :-)

Linee Guida per la Cura Naturale della Prostata Ingrossata

Sono sempre stato un sostenitore convinto nella ricerca di soluzioni naturali per migliorare la mia salute e quella degli altri e con la prostata ingrossata non faccio di certo eccezione.

Ecco alcuni semplici passi che ogni uomo può implementare ogni giorno per migliorare la salute della sua prostata:

  • Pianificare un’analisi approfondita della prostata: Avere una valutazione sullo stato di salute della prostata è il primo passo fondamentale da fare per sapere a che punto ti trovi. Ci sono diversi test da fare tra cui un esame digitale rettale e una rilevazione del PSA. Il medico saprà consigliarti anche altri test.
  • Sei quello che mangi: Come spiego ormai da anni su questo sito, non sottovalutare l’importanza di una dieta sana costituita principalmente da prodotti naturali non processati industrialmente, preferibilmente biologici. Ci sono vari consigli gratuiti sul mio sito per cominciare a cambiare le proprie abitudini per capire di cosa il nostro organismo ha bisogno per curare la prostata ingrossata.
  • Massaggio prostatico interno: Il massaggio prostatico è un’antica pratica utilizzata a scopo preventivo e curativo. Anche se in occidente è noto per essere un massaggio per provocare piacere sessuale, in realtà può essere di estremo aiuto per alleviare i sintomi di un’ipertrofia prostatica o di una prostatite. Ti consiglio dunque di praticarlo, anche se non hai problemi alla prostata. Nel corso avanzato spiego come farlo da soli in sicurezza.
  • Ridurre lo stress: La maggior parte delle persone conosce gli effetti dello stress sulla propria salute. Gli scienziati hanno evidenziato la correlazione che c’è tra una cattiva gestione dello stress e della prostata ingrossata. Dovresti cercare di imparare a rilassarti e di alleviare lo stress dalla tu vita con l’EFT (emotional Freedom Techniques) o altre discipline energetiche come lo yoga.
  • Rilassare i muscoli: Tonificare e rilassare i muscoli e la tensione muscolare possono influire positivamente sulla prostata ingrossata. Un programma di allenamento fisico regolare può migliorare di molto i sintomi e stimolare un atteggiamento mentale positivo oltre che a migliorare l’umore.
  • La pulizia interna del corpo: è importante quanto quella esterna. L’accumolo di tossine può avere un effetto devastante sulla salute della prostata. Consiglio di fare dei cicli di prodotti a base di erbe per rimuovere i parassiti intestinali e il cambio graduale delle proprie abitudini alimentari.
  • epilobioAssumere radice di ortica ed epilobio: la radice di ortica può aiutarti a diminuire la frequenza delle minzioni e a ridurre lo sgocciolio. In realtà non riduce le dimensioni della prostata, ma può essere di aiuto a risolvere il sintomo di urinare troppo spesso. (Sconsigliata a chi assume farmaci per la pressione o per il diabete). L’Epilobio invece può essere un valido aiuto anche per ridurre l’ipertrofia prostatica e i vari sintomi, senza alcun effetto collaterale. Qui puoi acquistarli entrambi della miglior qualità.
  • Far rinascere l’amore e l’attività sessuale: Una sana attività sessuale di coppia è alla base della salute della prostata. Non a caso gli uomini celibi in età avanzata hanno più problemi degli uomini sposati. Coltivare relazioni affettive può inoltre aiutare molto a ridurre lo stress e donare sensazioni di gioia e pace profonda che poche altre cose riescono a dare.

Questa è solo una breve sintesi di tutto quello che è possibile fare per migliorare la situazione della prostata ingrossata. Ci sono tantissime cose che è importante che tu sappia e che approfondisco nella guida Prostata in Forma e nel Video Corso Gratuito.

  • Facebook
  • Google Plus
  • Twitter

42 Commenti a “8 Passi per Curare la Prostata Ingrossata Naturalmente”

  1. Albert HarariNo Gravatar scrive:

    Ho 90 anni e mi hanno riscontrato una prostata ingrossata che non mi provoca dolore, mo solo il fastidio di numerosi stimoli per urinare di notte.

    Ho seguito il video completo con enorme interesse anche per la tua capacità di parlare di tutto con serenità ed evidente obietività.

    Mi prometto di rivedere tutti i capitoli domattina. E’ un lavoro grandioso! Complimenti vivissimi.

    Albert Harari

  2. domenicoNo Gravatar scrive:

    ho il problema delle prostata igrossata el’unico fastidio che ho è di non avere il getto quando vado ad urinare cosa poso fare?

    • AntonelloNo Gravatar scrive:

      Salve. Ho 49 anni e da parecchio tempo, almeno dieci anni, mi alzo svariate volte di notte- anche 5 o 6- per urinare, con getto fortunatamente copioso e senso di svuotamento ogni volta. Grazie a dio riesco ad riaddormentarmi subito. dio giorno le minzioni sono normali e non imperios. Rendendomi conto che comunque la situazione è anomala, ho vinto la pigrizia e ho consultato un urologo che mi ha prescritto alfozusina in via cautelare oltre a vari esami tra cui psa (assente), uroflussometria normalissima e ecografia che ha determinato “ipertrofia della ghiandola periuretrale per un volume di circa 25 ml.che dà iniziale impronta alla vescica con venature un po’ dilatate”. Niente di serio apparentemente. L’alfozusina faceva qualcosa, ma l’ho temporaneamente sospesa per via degli enzimi epatici un po’ sballati in fase di accertamento. E’ l’unico rimedio possibile o c’è qualcosa di più naturale che riduca la frequenza delle minzioni notturne? grazie

  3. MarcoNo Gravatar scrive:

    Ciao Domenico,

    oltre a seguire i 5 passi e gli esercizi del corso gratuito puoi prendere in seria considerazione l’idea di modificare totalmente le tue abitudini alimentari.

    Nel corso base spiego tutto. Per ogni dubbio a riguardo sono sempre a disposizione, anche in privato sulla mia email info@prostatainforma.com

    Per i problemi più seri dei periodi con integratori a base di serenoa e altri estratti “rilassanti” possono essere di aiuto, ma consiglio comunque di vedere il video prima di acquistare qualsiaisi cosa.

    Marco

  4. MarcoNo Gravatar scrive:

    Ciao Antonello,

    il farmaco che ti è stato prescritto è un alfabloccante, molto simile a quelli che cito nel video gratuito che spero tu abbia visto. Sono farmaci che non risolvono il problema alla radice e “ingannano” solo l’area interessata spesso provocando effetti collaterali come tu stesso hai constatato.

    C’è molto altro che si possa fare, soprattutto se non hai un’età troppo avanzata (Sotto i 70 si può fare ancora molto a mio avviso).

    Se hai visto almeno il video gratuito dovresti aver capito che il mio approccio è totalmmente diverso ed esclude ogni tipo di farmaco di sintesi. Nei casi più “estremi” si possono usare momentaneamente degli integratori, ma anch’essi non risolvono il problema alla radice. C’è ben altro che si possa fare…

    Spiego tutto nel corso base che puoi trovare qui:

    http://www.prostatainforma.com

    Per ogni dubbio a riguardo sono sempre a disposizione. Puoi anche scrivermi in privato dall’area contatti se lo desideri.

    Un saluto sincero,

    Marco

  5. RobertoNo Gravatar scrive:

    Salve ho 54 anni e mi hanno riscontrato che ho la prostata ingrossata con un peso ecostimato di 56g mi devo preoccupare?

  6. MarcoNo Gravatar scrive:

    Ciao Roberto, la preoccupazione negativa (ovvero ipocondria) porta solo ad un peggioramento della tua situazione.

    La pre-occupazione sana e positiva invece è utile per chi vuole capire le cause e risolvere i suoi problemi prima che sia troppo tardi.

    Io andrei a fondo per cercare di capire cosa ha portato l’igrossamento prostatico. Prenderei questa “preoccupazione” come spunto per migliorarmi e rivedere la mia vita.

    Marco

  7. RobiNo Gravatar scrive:

    Ho 60 anni. Mi è’ stata diagnosticata ipetrofia prostatica benigna (Pisa inferiore ad 1) dimensione prostata doppio del normale, notevole dolore scuro tale alla sera. Cosa posso fare? È Necessaria la turp?

  8. GiovanniNo Gravatar scrive:

    Ciao Robi,

    non è necessaria nessun altra diagnosi, per quanto possa essere di aiuto a comprendere lo stato della malattia non serve ai fini della guarigione che può avvenire in modo sano e definitivo seguendo uno stile di vita naturale, ti consiglio di iniziare seguendo i consigli contenuti nel video corso gratuito che trovi qui:

    http://prostatainforma.com/blog/5-passi-per-curare-la-prostata/

    Per ogni dubbio sono sempre a disposizione.

    Un caro saluto,

    Giovanni
    Staff ProstataInForma.com

  9. gianfrancoNo Gravatar scrive:

    ho 47 anni mi hanno riscontrato l’ingrossamento della prostata con fuoriuscita dal pene di liquido giallastro e mi provoca bruciore e un po di arrossamento nella punta cosa mi consiglia ? Vi ringrazio

  10. GiovanniNo Gravatar scrive:

    Ciao Gianfranco,

    da ciò che scrivi non sembra essere uno stato di infiammazione grave e considerando che la salute della prostata è strettamente legata all’alimentazione il consiglio è la visione del video corso gratuito che trovi qui:

    http://www.prostatainforma.com/

    Intanto per comprendere se c’è una stretta correlazione tra l’inconveniente riscontrato e l’alimentazione, e se invece possa dipendere da altri fattori.

    Un caro saluto,

    Giovanni
    Staff ProstataInForma.com

  11. stefanoNo Gravatar scrive:

    Mi è stata studiata la prostata via transrettale con dimensioni aumentate:dl67mm-dap52mm-dt60mm del peso circa 100 gr. ed adenomioma42x40x50 mm del peso di 50gr. con diffuse microcisti; è necessario l’intervento chirurgico o ci sono delle cure?
    Grazie!

  12. GiovanniNo Gravatar scrive:

    Ciao Stefano,

    indipendentemente dalla gravità della situazione e della diagnosi un intervento chirurgico non è affatto necessario, esiste il modo naturale per far ritornare ogni cosa o fastidio nella norma, ti consiglio la visione del video corso gratuito che trovi qui:

    http://www.prostatainforma.com/

    Ti auguro il meglio,

    Giovanni

  13. AlessandroNo Gravatar scrive:

    Gentilissimo sig. Marco ..
    Mi chiamo Alessandro ..e da un po di anni che sofro di prostatite ho 50 anni .
    Ho visto il suo video che
    ritengo interessante
    Le chiedo a questo punto una sua consulenza in quanto ad oggi non sono riuscito a risolvere il mio problema ..
    Attendo sue notizie come possiamo comunicare ..
    La ringrazio anticipatamente
    Alessandro ..

  14. GiovanniNo Gravatar scrive:

    Ciao Alessandro,

    il modo migliore è scrivere in email a info@prostatainforma.com.

    Giovanni

  15. giulioNo Gravatar scrive:

    salve,ho sentito che il cloruro di magnesio inibisce l ingrossamento della prostata e spesso la fa regredire.VERO.GRAZIE E GENTILISSIMO

  16. GiovanniNo Gravatar scrive:

    Ciao Giulio, il cloruro di magnesio è un ottimo rimedio per il ripristino di molte funzioni del nostro organismo.

    Grazie a te per aver apprezzato!

    Giovanni

  17. SalvatoreNo Gravatar scrive:

    Ho 64 anni( ma dicono che ne dimostro almeno 7 in meno) nel mese di novembre ho fatto le analisi del PSA con i seguenti valori: Ant. Prostatico Spec. 3,740, PSA libero 0,650 rapporto ln/tot. 0,17. L’urologo dopo una visita completa m ha prescritto un terapia antibiotica per 10 giorni al mese x due mesi. Adesso ho ripetuto le analisi e il rapporto lib/tot. è paro a 0,16. il flusso di fuoriuscita dell’urina e buono. Desidero un suo parere. Grazie.

  18. GiovanniNo Gravatar scrive:

    Ciao Salvatore, l’età non è la causa delle patologie della prostata, tra l’altro la tua è un età giovanissima dal punto di vista fisiologico e della guarigione.

    I farmaci sono da evitare in quanto rimuovono i sintomi per un po di tempo ma non le cause, causando poi alla lunga difficoltà per una reale guarigione anche se portata avanti con metodi naturali.

    Ti consiglio la visione del video gratuito, lo trovi qui:

    http://prostatainforma.com/

    Per ogni dubbio puoi scrivere in privato:

    info@prostatainforma.com

    Giovanni

  19. saverioNo Gravatar scrive:

    Salve,inizio dicendo che io ancora non ho fatto nulla per vedere se o qualche problema alla prostata,l’unica cosa di anormale che noto,che è diminuito molto la fuoriuscita dello sperma,da un due mesi,e che prima schizzava mentre ora non più,e vado piu spesso ad urinare,ora con questi sintomi che vi ho descritti crediate ci sia un problema alla prostata oppure e un periodo cosi con un pò di stress?grazie della risposta anticipatamente.

  20. saverioNo Gravatar scrive:

    dimenticavo ho 40 anni

  21. GiovanniNo Gravatar scrive:

    Ciao Saverio, i sintomi che descrivi sono probabilmente legati alle possibili patologie che affliggono la delicata prostata, il fattore stress e quindi psicofisico può essere una causa ma al tempo stesso anche una conseguenza che aggrava la situazione.

    E’ giusto fare una visita per avere conferma, in ogni caso esami e analisi possono solo dare una maggiore visione del problema senza però dare una soluzione. Inoltre è bene evitare esami come la biopsia e interventi invasivi come la Turp, ossia intervento chirurgico con laser, entrambi molto dannosi al punto da far risultare poi difficoltosa la guarigione sebbene con metodi naturali.

    L’età non è in ogni caso una causa.

    Ti consiglio la visione del video gratuito che trovi qui:

    http://prostatainforma.com/

    Per ogni chiarimento puoi scrivere in privato:

    info@prostatainforma.com

    Giovanni

  22. giuseppeNo Gravatar scrive:

    Ho visto il video e ho mandato un messaggio ma dimenticavo che ho 63 anni e nel 2007 ho avuto problemi di prostata, curata con antibiotici che non ricordo la denominazione + prostil forte( per qualche mese) + xatral 20 mg che continuo fino ad oggi .
    da un decina di giorni ho di nuovo disturbi dall’ecografia risulta prostata aumentata di volume (5*5) attendo esito PSA e urina-cultura, potresti darmi un tuo parere? grazie

  23. GiovanniNo Gravatar scrive:

    Ciao Giuseppe,

    Ho visto il video e ho mandato un messaggio ma dimenticavo che ho 63 anni

    L’età non è in nessun caso la causa delle patologie che colpiscono la prostata, inoltre 63 anni è un età giovanissima dal punto di vista della guarigione.

    e nel 2007 ho avuto problemi di prostata, curata con antibiotici che non ricordo la denominazione + prostil forte( per qualche mese) + xatral 20 mg che continuo fino ad oggi .

    I farmaci sono da evitare in quanto tolgono i sintomi per un certo tempo ma non le cause, sono inoltre molto dannosi aggravando la patologia presente.

    da un decina di giorni ho di nuovo disturbi dall’ecografia risulta prostata aumentata di volume (5*5) attendo esito PSA e urina-cultura, potresti darmi un tuo parere?

    Importante è evitare esami come la biopsia e interventi con il laser, entrambe cose dannose ai fini della guarigione.

    Il modo migliore per una guarigione definitiva ed eccellente è seguire uno stile di vita e di alimentazione naturale molto ben descritto nel
    programma ProstataInForma.com, lo trovi qui:

    http://prostatainforma.com/

    grazie

    Per ogni dubbio puoi scrivere in privato qui:

    info@prostatainforma.com

    Giovanni

  24. paoloNo Gravatar scrive:

    Mi chiamo Paolo ho 49 anni e volevo chiederle un consiglio, ho fatto l’esame delle urine ed è risultato il valore del Psa pari a 8 esteriscato, potrei sapere cosa vuol dire? Grazie per l’attenzione che mi vorrà dedicare

  25. GiovanniNo Gravatar scrive:

    Ciao Paolo,

    è un valore PSA fuori norma, potrebbe essere relativo alle condizioni della prostata e basta una semplice visita urologica per verificare se sono presenti eventuali patologie.

    Giovanni

  26. faustoNo Gravatar scrive:

    salve volevo chiedere.notizie sulla prostata.mio padre di83.gli.hanno ripulito la prostata nel 2007adesso ha un dolenzimento nello stesso punto.quali esami puo fare? e perche non hanno tolto la prostata invece di pulirla ….era tutto benigno ma adesso ha un malessere anche alla gamba sinistra ed e un po dimagrito .cosa posso fare?
    grazie mille attendo risposta

  27. GiovanniNo Gravatar scrive:

    Ciao Fausto, premetto che non siamo medici e che le nostre conoscenze sono frutto di esperienza e ricerca personale.

    Siamo soliti sconsigliare interventi invasivi con il laser, come pure la biopsia, in quanto tolgono i sintomi per un certo periodo di tempo ma non rimuovono le cause.

    Intanto è una fortuna che non gli hanno tolto la prostata in quanto si può ancora recuperare del tutto e definitivamente, ovviamente questo esito positivo dipende molto dalla volontà di tuo padre ad accettare determinati cambiamenti nel suo stile di vita, è tutto molto ben spiegato nell’intero programma che trovi qui:

    http://prostatainforma.com/

    Se non l’hai ancora fatto ti consiglio la visione del video gratuito:

    http://prostatainforma.com/prostatite.php

    Il malessere alla gamba è molto probabile che sia direttamente collegato all’infiammazione della prostata, cosa che accadde anche a me, quindi non è in se un sintomo allarmante, almeno finché si è in tempo a provvedere e riportare tutto nella norma.

    Giovanni

  28. GaetanoNo Gravatar scrive:

    Ho 64 anni e da 10 che mi fu riscontrato l’ingrossamento della prostata. Sono partito da un PSA di 5 e sono oggi a 8. Seguo con puntualità trimestrale cura omeopatica. La crescita non si è arrestata come anche il valore di PSA. Ho problemi di erezione e qualche volta di dovermi alzare di notte per andare a urinare. Da quanto ho potuto capire non ci sono rimedi o cure che tengano sotto controllo l’ipertrofia prostatica. L’alimentazione è abbastanza sana, cammino anche parecchio. Sono aperto ai suoi consigli. Saluti

  29. GiovanniNo Gravatar scrive:

    Ciao Gaetano,

    l’età non è in ogni caso la causa delle patologie che colpiscono la prostata, inoltre 64 anni è un età molto giovane per affrontare la guarigione con le dovute conoscenze.

    Può essere definito una “cura” qualcosa che va fatto periodicamente e che non porta mai a completa guarigione?

    Ti consiglio intanto la visione del video gratuito:

    http://prostatainforma.com/prostatite.php

    Per ogni chiarimento non esitare a scriverci.

    Giovanni

  30. DanieleNo Gravatar scrive:

    Salve io ho 30 anni e da ieri che provo un fastidio tra lo scroto e L ano e piccoli sensi di ansia dovuto credo al dolore…
    Ho fissato un appuntamento con un urologo ma per lunedì
    Vorrei sapere se nel frattempo potrei fare qualcosa
    Grazie

    • GiovanniNo Gravatar scrive:

      Ciao Daniele,

      Tengo sempre a fare presente che l’età non è mai la causa delle patologie che colpiscono la prostata, inoltre la tua età è molto giovane ai fini della guarigione.

      Per verificare è sufficiente una semplice visita urologica, tenendo conto che la diagnosi non dà in alcun caso idicazioni su come guarire, inoltre i farmaci sono inutili e dannosi al punto di aggravare la patologia amndando contro ogni cura fatta di soli metodi naturali.

      I primi consigli li trovi nel video corso gratuito che hai ricevuto in email, mentre il corso base completo lo trovi qui:

      http://prostatainforma.com/lettera/completa_acquisto.php

      Giovanni

  31. lucaNo Gravatar scrive:

    Salve ho 43 anni a seguito di lievi fastidi nella zona perineale ho eseguito visita urologica nella quale è mi é stato diagnosticato un lieve ingrossamento della prostata (volume stimato 33 ml), una riduzione drl flusso urinario tramite uroflussometria e l’ esame del psa da un valore pari a 3,98. Mi é stato prescritto xatral per sei mesi e poi nuova visita. Sono un po’ preoccupato. É un quadro allarmante e soprattutto é suscettibile di regresso positivo? Il programma può avere effetti positivi sulla risoluzione di quanto descritto? Grazie

    • GiovanniNo Gravatar scrive:

      Ciao Luca,

      l’età non è mai la causa delle patologie che colpiscono la prostata, inoltre la tua età è giovanissima dal punto di vista della guarigione.

      Farmaci, antibiotici, cialis, viagra e simili, sono inutili e dannosi al punto di aggravare la patologia, inoltre vanno contro ogni cura fatta di soli metodi naturali. Sono tutti prodotti chimici che sopprimono i sintomi e alla lunga aggravano lo stato di salute generale.

      Il programma ProstataInForma è risultato molto efficace per tutte le patologie della prostata, anche in casi di tumore alla prostata e in casi di sterilità, questo perchè ha come fine ultimo riportare grande energia, vitalità e salute al nostro organismo in modo sorprendente e definitivo.

      Lo trovi qui:

      http://prostatainforma.com/lettera/completa_acquisto.php

      Se non l’hai ancora fatto ti consiglio di vedere il video corso gratuito che trovi qui:

      http://prostatainforma.com/prostatite.php

      Per ogni altro dubbio puoi scriverci in email a info@prostatainforma.com.

      Giovanni

  32. HarryNo Gravatar scrive:

    Ciao ho 20 anni e da due giorni sento folore tra lo scroto e l’ano, il dolore mi è partito dopo aver assu to per 6 giorni la serenoa repens dato che ho l’alopecia androgentica. Non so cosa fare, ho 20 anni e oltre ai capelli mi ritrovare anche col il dolore alla prostata

    • GiovanniNo Gravatar scrive:

      Ciao Harry,

      i sintomi che citi sono dovuti all’infiammazione della prostata e la serenoa repens è un rimedio naturale che può portare al riacutizzarsi dei sintomi, è un buon aiuto ma in nessun caso è la soluzione, poichè non rimuove le cause della patologia.

      Il corso base ProstataInForma è risultato molto efficace per tutte le patologie che colpiscono la prostata, ed è composto da soli metodi naturali.

      Il percorso richiede l’eliminazione di ogni farmaco, anche quelli che eventualmente assumi per l’alopecia, poichè i farmaci sono dannosi al punto di aggravare la patologia e vanno contro il percorso di guarigione, inoltre seguendo il percorso ProstataInForma è possibile migliorare e guarire anche dall’alopecia.

      Se non l’hai già fatto ti consiglio intanto di vedere il video corso gratuito qui:

      http://prostatainforma.com/prostatite.php

      Se ritieni opportuno un contatto telefonico, ti invito a lasciare un tuo recapito in email: info@prostatainforma.com.

      Giovanni

  33. andreaNo Gravatar scrive:

    da più di una decina di anni sento la prostata “tesa” dopo ogni eiaculazione, così come mi rimane il pene sempre un po’ congestionato (“barzotto”) per almeno un’ora dalla fine dell’eiaculazione;
    sento inoltre pesantezza ed un senso di congestione tra scroto ed ano.

    solamente da un paio di anni, poi, ogni notte successiva all’eiaculazione (che in genere avviene di sera) ho erezioni insistenti durante tutta la notte che durano a lungo (me ne accorgo nel dormiveglia), e mi sveglio tutto sudato.

    non lamento alcun dolore, né difficoltà nell’eiaculazione, né nella minzione.

    l’urologo sente la prostata liscia e non gonfia e gli esami batteriologici nulla evidenziano.

    urologo parla di ipetrofia prostatica benigna.

    ho sofferto di emorroidi e sono stato operato di prolasso rettale.
    prima dell’operazione, ma anche adesso, noto che quando vado troppo di corpo ho una sensazione di congestione simile, e nella stessa zona riferita prima, talvolta con senso di congestione del pene

    premesso questo, come si può diminuire di volume la prostata affinché cessi questa sensazione di tensione che non mi permette di dormire bene?

    grazie per ogni consiglio possibile

    • GiovanniNo Gravatar scrive:

      Ciao Andrea,

      non è una condizione grave, se non per il fatto che dura da tanti anni, ed è possibile ottenere piena guarigione seguendo il programma ProstataInForma, basato esclusivamente su metodi naturali, dal momento che farmaci e antibiotici sopprimono i sintomi ma non rimuovono le cause, possono inoltre aggravare la patologia presente.

      Ti consiglio se non l’hai ancora fatto, di vedere il video corso gratuito che trovi qui:

      http://prostatainforma.com/prostatite.php

      Per ogni eventuale altra comunicazione ti consiglio di usare l’email info@prostatainforma.com.

      Giovanni

  34. Andrea ArenaNo Gravatar scrive:

    Tra i cibi che contrastano i disturbi prostatici, nessuno cita le punte di asparagi, possibile che nessuno sappia quanto sia importante il loro effetto benefico?

    • GiovanniNo Gravatar scrive:

      Ciao Andrea,

      a mio avviso gli asparagi non sono affatto benefici durante lo stato patologico, il motivo è che contengono acido urico che solitamente è una delle mille cause di ogni patologia che colpisce la prostata e non solo.

      Ad ogni modo l’alimentazione mirata è uno degli aspetti fondamentali del corso base, insieme a tanti altri, intanto se non l’hai ancora fatto puoi prendere visione del video corso gratuito:

      http://prostatainforma.com/prostatite.php

      Giovanni

  35. Cesare MarchegianiNo Gravatar scrive:

    ho 69 anni dopo svariato tempo che durante la notte dovevo alzarmi spesso ad urinare mi sono deciso ad andare da un urologo per controllare la prostata mi è stata riscontrata una ipertrofia prostatica benigna con valori psa 4,3 ng/mlcon 24%
    e.o.peraltro NN
    e.r. mdio fap omogeneo
    consigliato ciclo tp con Mittoval 10 mg. 1 capsula al giorno di sera senza sosta.
    al successivo controllo dopo 8 mesi i valori sono:
    psa antigene prostatico 4,88 ng/ml
    psa libero 1,23 ng/ ml
    psaf-psat 15%
    vorrei sapere se ci sono problemi seri oppure posso continuare a prendere il Mittoval…… grazie

    • GiovanniNo Gravatar scrive:

      Ciao Cesare,

      innanzitutto tengo come sempre a fare presente che l’età non è mai la causa delle patologie che colpiscono la prostata.

      Inoltre i farmaci non sono mai la soluzione, poichè bene che vada sopprimono i sintomi finchè si assumono ma non rimuovono le cause del problema, inoltre alla lunga aggravano la patologia.

      Il modo migliore per avere piena guarigione è seguire un percorso di soli metodi naturali, come quello che puoi iniziare a vedere nel video corso gratuito qui:

      http://prostatainforma.com/prostatite.php

      Giovanni


Lascia un commento